Morto Stalin se ne fa un altro

Sala 1

Lunedì, 19 Novembre 2018

Il 3 Marzo 1953 Stalin, Capo Supremo dell’Unione Sovietica crolla a terra stroncato da un’emorragia cerebrale. La sua morte viene però dichiarata ufficialmente solo due giorni più tardi, durante i quali la squadra ministeriale del defunto dittatore si scontra per ottenere il potere supremo.

 

Scheda

Regia: Armando Iannucci
Paese: Francia
Anno: 2017
Durata: 106 min
Commedia storico biografica

Con: Steve Buscemi, Michael Palin, Jeffrey Tambor

Trama

 Trama: Mosca, 1953. Il regime staliniano miete il terrore nella vita dei suoi cittadini, con il rischio che chiunque venga dichiarato un elemento negativo sia poi arrestato, esiliato o ucciso. La situazione cambia quando Stalin ha un malore fatale e si crea un vuoto di potere nel quale cercano di insinuarsi due persone in particolare: Lavrentiy Beria, capo dei servizi segreti sovietici, e Nikita Khrushchev, segretario del Partito Comunista. Nel loro duello strategico verranno coinvolti anche gli altri membri del Comitato Centrale e i figli del dittatore, nel tentativo di ristabilire l'ordine all'interno di un governo sempre più caotico.

Critica

 “Una commedia nera, una satira sul potere e il totalitarismo incentrata sulle lotte interne al Comitato centrale per individuare il successore si Stalin, che fa infuriare la Russia e che non sarà distribuita nelle sale del paese”.

Premi e festival

British Independent Film Award al miglior attore non protagonista e in concorso al 35° Festival di Torino

 

 

Altro in questa categoria: « Il contagio Punishment Island »